Home » Romancero by Cesare Acutis
Romancero Cesare Acutis

Romancero

Cesare Acutis

Published 1983
ISBN : 9788806559397
Hardcover
486 pages
Enter the sum

 About the Book 

«Quando nacque, come nacque quel vasto corpus di canti narrativi - il romancero - che qualcuno non ha esitato a definire unIliade senza Omero? Pare abbastanza plausibile far coincidere la data di nascita del romancero con quella dellagonia e dellaMore«Quando nacque, come nacque quel vasto corpus di canti narrativi - il romancero - che qualcuno non ha esitato a definire unIliade senza Omero? Pare abbastanza plausibile far coincidere la data di nascita del romancero con quella dellagonia e della morte del poema epico, intorno alla metà del XIV secolo. Verso la metà del Quattrocento i romances erano ancora relegati fuori dagli spazi della cultura ufficiale e graditi soltanto, secondo autorevoli dichiarazioni dellepoca, ai bifolchi, alle donnette e alle vecchie che filavano vicino al fuoco: a gente, insomma, di bassa e servile condizione. Ma il fascino patetico e scontroso che li caratterizzava non avrebbe più tardato ad aprir loro le porte del Palazzo. Furono dapprima accolti e apprezzati alla corte aragonese di Napoli. Poco più tardi salirono i gradini dellaustera corte di Castiglia, dove costituirono uno degli svaghi di sala favoriti della cattolica Isabella. Da allora i testi cessano davere circolazione esclusivamente orale per essere catturati e fissati dalle stampe, dapprincipio attraverso fogli volanti. Questi fogli erano detti pliegos de cordel poiche venivano messi in vendita sciorinati su uno spago.Per ognuna delle leggende e dei poemi eroici elaborati nel Medioevo spagnolo esistono cospicui cicli di romances: sul re Rodrigo, su Bernardo del Carpio, su Fernán González conte di Castiglia, sugli infanti di Lara, sul Cid, sulla battaglia di Roncisvalle, su Tristano, Lancillotto, Walter dAquitania... Il pacato impegno narrativo dei testi epici vi si sfrangia in lacerti di accentuata emotività- spesso tutta una complessa storia si conchiude in una sola, intensa e fulminea sequenza. Ecco allora fiammeggiare la collera di donna Lambra oltraggiata dai nipoti che avvierà al massacro- ecco lacqua spruzzare sotto gli zoccoli del cavallo del conte Fernán González al guado di Carrión- ecco linfanta Urraca comparire in corsa affannosa a turbare con parole di vituperio lagonia di suo padre...»